Viaggio in camper

camper

La Romania è diventata negli ultimi anni una meta adeguata anche al viaggio col camper. A chi volesse scoprire le sue bellezze turistiche in questo mezzo potrebbe cliccare qui per la lista indicativa dei campeggi presenti sul territorio.

Geoagiu Băi

geoagiu-baiLa località termale Geoagiu Bai si trova nel cuore della storica regione Transilvania. La ricca rete idrica creata dai fiumi Homorod, Geoagiu e Mures, assieme alle pittoresche montagne, creano un paesaggio naturalistico unico tutto da scoprire. Le persone del posto chiamano la località "il donno delle montagne", facendo riferimento alla ricchezza minerale del suolo e alle proprietà curative delle sorgenti termali. Oggi, nella località ci sono vari posti per godere il paesaggio mozzafiato e il silenzio della zona. Oltre alla bellezza naturale con la quale questa regione è stat benedetta, il clima favorevole, con inverni calmi e estati piacevoli, permette alle strutture in località l'apertura per tutto l'anno.

L'Unicità della località Geoagiu Bai

Geoagiu Bai ha qualcosa da offrire per tutti gusti perché è il posto perfetto per essere attivi oppure semplicemente rilassarsi nei centri di cura. Coloro che vogliono staccare la spina possono ricaricare le batterie seguendo l'ariaterapia, bagni in acqua minerale calda, trattamenti di fango e piante. Con la loro importante storia, le sorgenti rappresentano l'eredità più preziosa della regione, essendo considerati dalla comunità locale protette da Bendis, Dea dacica, per mantenere il corpo e l'anima giovani per sempre.

Prima di ripartire, non dimenticate...

• Visitare Dâmbul Romanilor con le sorgenti antichi che risalgono ai tempi dei romani;

• Visitare la Fortezza Romana, a 8 km da Geoagiu, sede principale dell'esercito romano;

• Ammirare la Cascata Clocota e la magnifica "Fontana Fredda" (Fântână Rece);

• Il sito internet ufficiale della località Geoagiu Bai.

 

Parco Naturale Apuseni

apuseniCon oltre 1500 grotte il Parco Apuseni è un paradiso per gli esploratori. Hodobana, un'immensa galleria sotteranea i cui dedali misurano oltre 21 km di lunghezza, è un'attrazione da non perdere. Un must è anche la Grotta Zgurăşti, che accoglie uno spettacolare lago sotteraneo. Qui si trova anche "La Valle Male" (Valea Rea), una delle più importanti caverne del mondo, che ha oltre 35 tipi di minerali.

Un'altro fenomeno unico nel paesaggio del Parco è "Groapa Ruginoasa" (Fossa Rugginosa). Quest'immensa gravina ha circa 450 m e una profondità di oltre 100 m. Si è formata a causa dell'erosione d'acqua infiltrata negli strati di arenaria e argille color rosso porpora.

Parco Apuseni è il posto adatto per vari sport montani. Arrampicate, snowshoeing, sci, sono soltanto alcuni esempi della grande varietà di sport praticati nella regione.

Cosa rende speciale il Parco Naturale Apuseni?

La regione è in continuo cambiamento a causa del clima montano, registrandosi tempeste alle quote alte. Il parco ospita oltre 1550 di specie di piante. Le creste delle montagne sono coperte dalle foreste di pecci, mentre nei prati ci sono cigliegi selvaggi e alberi di noce nera.

Uno dei posti più spettacolari del parco è la zona carsica Padiş- Cetăţile Ponorului. Vi si trovano ripide vette rocciose, torrenti e grotte profonde.

Di recente, sono state scoperte in alcuni antri speci di animali carnivori, sconosciute fino allora dal mondo scientifico. Questo ritrovamento, assieme ad alto numero di orsi, linci e lupi, rendono la zona un vero ed impressionante habitat per gli animali selvaggi.

Turismo nella regione continua incrementare costantemente, mentre il Parco Naturale Apuseni può rispondere a questa sfida. Le zone turistiche in pieno sviluppo, come Vladeasa e Albac offrono alloggi eccelenti e il facile accesso alle attrative del parco.

Le quattro stagioni sono un vantaggio per la regione. La stagione turistican si stende lungo l'intero anno, permettendo inoltre le attività di riabilitazione e manutenzione degli itinerari montani e le piste di sci.

Attrazioni d'interesse del Parco Naturale Apuseni

• Canioning sulle impressionanti valli;

• Una serata estiva presso un festival in montagna;

• Arrampicate sulle vette rocciose di calcare.

 

Altopiano Horezu

ceramica-horezuL'altopiano o la valle Horezu ospita sei località, ovvero la città di Horezu, assieme ai principali villaggi adiacenti: Costeşti, Măldăreşti, Vaideeni şi Slătioara. Localizzata nella valle dei Monti Căpăţinii, Horezu si trova nel cuore della valle che ospita una comunità che divide il carattere comune di lingua, cultura e tradizione.
La valle presenta un'eccezionale patrimonio culturale e naturale. Dal punto di vista turistico, questo altopiano presenta caratteristiche che mettono in risalto la sua unicità. Pertanto, la regione accoglie innumerevoli monumenti naturali, come anche 93 monumenti culturali e storici che sono sulla lista del Ministero per i Beni Culturali.

Un paesaggio unico

L'ambiente geografico naturale della regione consiste in una zona montuosa che copre circa due terzi dell'intera superficie, boschi, campi, orti. Nei Monti Căpăţânii ci sono cuspidi alti che arrivano oltre la quota 2000, come Ursu (2 124 m) e Coşana (2 011 m).

La regione è sparsa con ruscelli – Costeşti, Bistriţa, Bistricioara, Horezu, Râmeşti, Luncăvecior, Luncavăţ, Recea, Mariţa e Cerna. La maggior parte di questi fiumicelli attraversano le fasce calcaree della parte sud dei Monti Căpăţânii, specie il massiccio Buila-Vânturariţa, dove l'acqua infiltrata ha lasciato impronte nel rilievo carsico creando gole (Bistriţa) e grotte (Peştera Liliecilor – La Grotta dei Pipistrelli).

Il clima varia in funzione delle zone geomorfologiche e dell'altitudine. La temperatura e il clima mediteraneo della valle è in forte contrasto con la neve delle vette montuose che resiste 180 giorni l'anno e che offre piste sciabili nella zona Zmeuretu, Govora e Văleanu. La flora che cresce rispetta le particolarità geografiche della regione – i boschi di coniferi e gli orti vestono le colline.

Un'itinerario interessante

L'eredità ortodossa e la cultura romena sono parte integrante della regione. Monastero Hurez, un sito protetto da UNESCO, è uno dei simboli della regione. La diversità del ambiente naturale e i monumenti storici sono strabilianti, offrendo ai turisti tante possibilità di vacanza. Tra i monumenti di culto, il monastero Bistriţa, nei suoi oltre 500 anni di vita, ha ospitato la prima stampante della Valacchia, ma anche il primo libro stampato sul territorio romeno nel sedicesimo secolo. Le case fortificate di Măldăreşti (cosiddette Cule) sono abitazioni conservati perfettamente che sono stati punti di difesa nel periodo medievale. Inoltre, le case fortificate rappresentano centri di arte popolare che si possono raramente incontrare e soltanto in alcune località.

Le sorgenti minerali del villaggio Costeşti, con le loro proprietà terapeutiche hanno dimostrato la loro importanza lungo i tempi nelle terme dellà località. Le Gole di Bistriţa, Costeşti e Pietreni sono le gole di calcare più strette ed impressionanti della Romania.

Una visita alla Grotta dei Pipistrelli (Peştera Liliecilor) potrebbe essere un'esperienza insolita. La riserva naturale "Museo Trovanţilor di Costeşti" è una zona sparsa con gigantiche formazioni di roccia grezza che potrebbe essere interesante per le sue dimensioni e l'aspetto zoomorfo.

Valori tradizionali

La ceramica di Horezu – unica in Romania per i suoi motivi cromatici e floreali – è rappresentativa per la regione. Gli oggetti di ceramica sono conosciuti in tutto il mondo. Questi oggetti conservano la tradizione locale e mostra influssi bizantini rendendo quest'arte un marchio di distinzione specifica per la valle Horezu. Gli strumenti tradizionali come il tornio da vasaio, la "ghiandaia", il corno, il forno e gli elementi decorativi come i fiori stilizzati, le chiocciole, le trecce e i punti, e "Il Gallo di Hurez" sottolineano il carattere unico della ceramica di Horezu.

Gli elementi culturali e popolari, materiali ed immateriali, dei Monti Olteniei e Mărginimea Sibiului hanno un alto valore artistico e turistico e sono stati integrati lungo i tempi a far parte integrante della cultura locale. Grazie al paesaggio, i pastori hanno trovato un posto addatto alla conservazione e perpetuazione delle propri tradizioni pastorali; i pastori della regione continuano la tradizione della transumanza e portano le gregge in montagna. Loro hanno avuto un forte influsso sulla cucina regionale, con i loro prodotti a base di latte (vari tipi di formaggio fresco e a paste molle come "jintiţă", ricotta, balmoş – formaggio dolce di pecora, preparato in burro o latte bollente con poco mais), abbacchio e prodotti a base di carne di capra.

Ci sono più villaggi che conservano l'artigianato e il folclore materializzati in: costumi tradizionali, tessuti, ricami, realizzazione dei vestiti di cuoio di pecora, lavorazione artistica del legno, lavorazione della lana, architettura. Le fiere e gli eventi culturali con gruppi corali, suonatori di piffero e danze popolari mettono in risalto la ricchezza etno-culturale della zona.

Torna su